RisoEMiso | SHIRATAKI IN CREMA DI SESAMO CON CETRIOLO E GERMOGLI DI SOIA
16351
post-template-default,single,single-post,postid-16351,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

SHIRATAKI IN CREMA DI SESAMO CON CETRIOLO E GERMOGLI DI SOIA

SHIRATAKI IN CREMA DI SESAMO CON CETRIOLO E GERMOGLI DI SOIA

Gli shirataki sono spaghetti ricavati dalla radice di konjac, o konnyaku, hanno un irrisorio apporto calorico, 6 cal. per 100 gr, con una consistenza solida e nessun sapore particolare. Il glucomannano, contenuto nella radice di konjac, radice diffusissima in Giappone, è una gomma naturale vegetale, utilizzato moltissimo nelle diete dimagranti perché a contatto con l’acqua raddoppia quasi il suo volume, facilitando così il senso di sazietà, inoltre aiuta ad abbassare il colesterolo e a facilitare il transito intestinale. In forme di spaghetto o di panetto, viene consumato moltissimo in Giappone, sia per le sue proprietà benefiche che per la versatilità d’uso.

Qui presento una nuova ricetta (leggi anche la ricetta shirataki ai gamberi) molto gustosa, fresca e velocissima da preparare, adatta per la bento che per un pranzo al sacco, ideale per gli sportivi o per chi è a dieta.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

 

  • 4 CONFEZIONI SHIRATAKI UMIDI
  • 2 CETRIOLI STRIATI
  • 150 gr GERMOGLI DI SOIA
  • 6 CUCCHIAI TAHIN, crema di sesamo
  • 6 CUCCHIAI SALSA DI SOIA
  • 2 CUCCHIAI MIRIN
  • 2 CUCCHIAI SEMI DI SESAMO
  • 2 CUCCHIAINI ACETO NERO
  • 1 SPICCHIO D’AGLIO
  • 6 CIPOLLOTTI VERDI in sostituzione coriandolo
  • 1 CUCCHIAIO OLIO DI SESAMO
  • ICHIMI se piace piccante

 

In un colino, versate gli shirataki e sciacquate sotto acqua corrente fredda e lasciate scolare per mezz’ora, di tanto in tanto scuotete il colino così da facilitare la colatura dell’acqua, gli spaghetti devono essere umidi ma non bagnati. Questo procedimento è essenziale per evitare che gli spaghetti siano troppo bagnati una volta a contatto con i condimenti.

Nel frattempo, in una ciotola mescolare alla crema di sesamo il mirin e l’ichimi se volete la nota piccante, girate bene. Aggiungete la salsa di soia e girate nuovamente.

Lavate i cetrioli striati e asciugateli. Tagliateli in quattro spicchi e togliete la parte centrale coi semi. Tagliate a julienne sottile. Ho scelto questa varietà di cetriolo perché è dolce e poco acquosa, inoltre ha una polpa molto soda.

Sciacquate i germogli di soia e scolate l’acqua in eccesso. Potete scegliere di sbollentarli per 30 secondi se volete togliere un po’ il sapore particolare del germoglio di soia, oppure di utilizzarli crudi.

Tagliate lo spicco d’aglio a metà e togliete il cuore, la parte più pungente e meno digeribile. Tritate molto finemente, meglio se avete lo schiaccia aglio.

Lavate il cipollotto e tritate, come in foto. In alternativa consiglio il coriandolo, se volete dare una nota aromatica fresca.

Unite l’aglio tritato alla crema di sesamo condita e mescolate bene.

In una ciotola capiente unite i cetrioli tagliati a julienne, i germogli di soia, se sbollentati fateli raffreddare prima, e i semi di sesamo, girate bene.

In una ciotola capiente, versate gli shiarataki scolati e condite con la crema di sesamo, amalgamate con cura e delicatamente.

Unire le verdure tagliate e mescolare nuovamente.

Impiattare come in foto e gustate.

Gli shirataki sono spaghetti ricavati dalla radice di konjac, o konnyaku, hanno un irrisorio apporto calorico, 6 cal. per 100. Qui presento una nuova ricetta molto gustosa, fresca e velocissima da preparare, adatta per la bento che per un pranzo al sacco, ideale per gli sportivi o per chi è a dieta.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy