RisoEMiso | GANMODOKI
16327
post-template-default,single,single-post,postid-16327,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

GANMODOKI

GANMODOKI

Il tōfu è alla base della cucina giapponese, nasce dalla fermentazione del latte di soia e non è formaggio, come erroneamente si crede. E’ un alimento ricco di proteine e di grassi polinsaturi e nell’originaria cucina giapponese fu il sostituto della carne che non era prevista, se non consumata raramente e solo di cacciagione, poiché erano previlegiati verdure e pesce (leggi articolo sulla carne in Giappone, storia tradizione e consumo).

In Giappone ci sono negozi specializzati solo in tōfu, perché ne esistono diverse varietà e perché è venduto fresco in giornata, in forma di panetti rettangolari e dal peso standard. Il tōfu ora si vende anche in tutti i supermercati italiani (generalmente tōfu stagionato), non solo nei negozi specializzati etnici, proprio in virtù delle sue qualità nutrizionali e perché molti italiani hanno adottato la dieta vegetariana, o vegana. Per i non vegetariani l’approccio al tōfu è a volte scettico a causa del sapore, molto delicato, e perché non si sa, ancora, come consumarlo. In verità in Giappone il tōfu non viene spalmato su una fetta di pane, come mi è stato chiesto, confuso col formaggio fresco, ma viene preparato in moltissimi modi, ricette antichissime e buonissime, molto salutari e molto saporite.

La ricetta di oggi è una di queste, molto saporita, molto sana grazi anche all’alga hijiki. Quest’alga che cresce in tutto l’estremo oriente ma ha trovato il suo habitat ideale in Giappone; ha un colore bruno, quando esiccata nero. E’ ricca di calcio e minerali, ha un sapore deciso, molto apprezzata in Giappone da sempre usata nella cucina e nelle cure omeopatiche tradizionali.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

 

  • 400 gr TŌFU NORMALE
  • ¼ CIPOLLA
  • ¼ CAROTA
  • 1 UOVO
  • 1 CUCCHIAIO ALGA HIJIKI SECCA
  • 2 cm ZENZERO GRATTUGIATO
  • 4 CUCCHIAI FECOLA DI PATATE
  • 1 CUCCHIAINO SALSA DI SOIA
  • OLIO PER FRIGGERE

 

Mettere a bagno, in acqua tiepida, l’alga hijiki.

Avvolgere il tofu in carta assorbente non trattata, appoggiare un peso leggero sopra e lasciare riposare per 15 minuti. Togliere la carta, rompere grossolanamente il tofu, metterlo in un colino e lasciare scolare il siero rimasto per latri 15 minuti.

Nel frattempo, tagliare a julienne fine la cipolla e la carota.

Grattugiare lo zenzero fresco.

Togliere dall’acqua l’alga hijiki e strizzarla leggermente, tamponare con carta assorbente.

Con una forchetta, schiacciare bene il tōfu, fino a ridurlo in una pasta.

Aggiungere le verdure tagliate, l’alga hijiki, la salsa di soia, l’uovo e mescolare bene.

Aggiungere la fecola di patate e mescolare fino a ottenere un impasto omogeneo.

Formare delle polpette di 4/5 cm di diametro e appiattirle leggermente.

Preparare l’olio per friggere e portarlo a 180°.

Friggere le polpette fino a quando non avranno un bel colore ambrato.

Servire con della salsa di soia a parte.

Il tōfu è alla base della cucina giapponese, ricco di proteine è un ottimo sostituto della carne. La ricetta di oggi è una di queste, molto saporita, molto sana grazi anche all’alga hijiki.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy