RisoEMiso | YAKITORI AI GAMBERI, EDAMAME E SHISO
15899
post-template-default,single,single-post,postid-15899,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

YAKITORI AI GAMBERI, EDAMAME E SHISO

YAKITORI AI GAMBERI, EDAMAME E SHISO

Letteralmente grigliata di pollo (yaki, grigliata, tori, pollo) nascono come spiedini di carne, appunto, ma si sono evoluti in mille varianti.

Qui presento un gustosissimo yakitori misto, di pesce e verdure, abbastanza semplice da fare e di sicuro effetto. Ancora ben caldi, con un pizzico di pepe di sichuan, che apre bene le papille gustative e pucciati nella salsa di soia, sono un esperienza davvero unica per il palato.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

 

  • 8/10 FOGLIE DI SHISO
  • 6 GAMBERI
  • 100 gr EDAMAME
  • 1 CUCCHIAINO DI ZENZERO GRATTUGIATO
  • 10 gr OLIO DI SESAMO
  • 10 gr SALSA DI SOIA
  • 1 ALBUME
  • SALE
  • PEPE DI SICHUAN
  • AMIDO DI MAIS
  • OLIO PER FRIGGERE

 

Pulire i gamberi dalle interiora e tagliarli a piccoli pezzi.

Bollire gli edamame, scolarli e raffreddare sotto acqua corrente. Una volta freddi togliere il bacello, se non già sgusciati. Tagliare a pezzettini.

Infarinare nell’amido di mais le foglie di shiso.

In una ciotola, unire i gamberi e gli adamame tritati, la salsa di soia, l’olio di sesamo, lo zenzero grattugiato e un cucchiaio di amido di mais.

Montare a neve ferma l’albume freddo.

Aggiungere al composto l’albume, mischiare dal basso verso l’alto delicatamente, unire altro amido se il composto dovesse risultare troppo liquido.

La consistenza della farcia deve essere come lo yogurt morbido.

Scaldare l’olio per friggere fino a 180°.

Mettere nel palmo della mano la foglia di shiso e riempirla con un cucchiaio di farcia, chiudere e mettere subito nell’olio bollente, con la foglia verso il basso. La farcia non uscirà e rimarrà all’interno della foglia, che si aprirà un po’.

Friggere non più di quattro yakitori alla volta, così da non far abbassare troppo la temperatura dell’olio.

Una volta cotti, togliere dall’olio e mettere gli yakitori sul carta assorbente.

Servire con salsa di soia, consiglio la Tamari, dal gusto più forte, adatta ai fritti.

Ancora ben caldi, con un pizzico di pepe di sichuan, che apre bene le papille gustative e pucciati nella salsa di soia, sono un esperienza davvero unica per il palato.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy