RisoEMiso | TEMPURA RICETTA
15713
post-template-default,single,single-post,postid-15713,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
 

TEMPURA RICETTA

TEMPURA RICETTA

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

 

  • 200/180 ml ACQUA GHIACCIATA NATURALE o FRIZZANTE alternativa BIRRA GHIACCIATA
  • 200 gr FARINA 00
  • 1 TUORLO D’UOVO (facoltativo)
  • OLIO PER FRITTURA
  • 2 PEPERONE ROSSO MEDIO PICCOLO
  • 1 MELANZANA LUNGA
  • 2 ZUCCHINE MEDIE
  • 8 PUNTE ASPARAGO NOVELLO
  • 12 CODE DI GAMBERO

In una ciotola capiente versare l’acqua ghiacciata o birra ghiacciata.

Versare tutta insieme la farina e mischiare grossolanamente, bisogna incorporare aria, quindi una buona pastella è piena di bolle e di grumi, questa è la pastella migliore per la tempura e pronta per la frittura.

Se si vuole una tempura più rosata:

Sbattere poco il tuorlo d’uovo.

Aggiungere l’acqua, o la birra, ghiacciata, e mescolare poco.

Aggiungere la farina come sopra.

In commercio esistono delle miscele per tempura già pronte, molto comode e altrettanto efficaci, alle quali basta aggiungere solo l’acqua.

Al contrario della pastella occidentale, liscia e vellutata, la tempura deve essere piena di bolle d’aria, di grumi di farina e freddissima per essere croccante.

PER LE VERDURE:

Lavare e asciugare bene le verdure, tagliarle a listarelle dello spessore di 1,5 cm e lunghe 7 cm circa, così che rimangano belle croccanti anche all’interno e non perdano il loro sapore durante la frittura; per gli asparagi si consiglia di pelare il gambo con un pelapatate e di utilizzare la testa e la parte morbida del gambo. Ovviamente più è grosso è l’asparago più sarà duro e più tempo ci vorrà per friggerlo, regolatevi in base a ciò che avete.

PER I GAMBERI:

Togliere le zampe, il carapace e l’intestino al gambero, lavare e tamponare con carta assorbente.

Tagliare le punte delle code (vedi da foto). Ruotare il gambero a pancia in sù e praticare delle incisioni dove ci sono le protuberanze delle zampe (vedi foto), rigirare e raddrizzare il gambero, in questo modo il gambero sarà più dritto dopo la frittura.

Provate la temperatura dell’olio mettendo a friggere una goccia di pastella, quando sarà circondata da bollicine allora sarà pronto.

Iniziate dalla verdura, immergetela nella pastella e subito in olio bollente, la tempura non deve imbrunirsi troppo, ma rimanere chiara, friggete un pò alla volta cosi che la temperatura dell’olio non si abbassi troppo.

Finite coi gamberi.

Non salate mai mentre state friggendo.

Servite ben caldo, con salsa tentsuyu, sale, wasabi, e daikon grattugiato.

In seguito verrano pubblicate altre ricette gustose su come abbinare la tempera ad altri piatti.

Al contrario della pastella occidentale, liscia e vellutata, la tempura deve essere piena di bolle d’aria, di grumi di farina e freddissima per essere croccante.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa estesa sui cookie:
Informativa estesa cookie
Informativa Privacy